10 idee originali che cambiano completamente le storie popolari

Gli scrittori raramente, se non mai, riescono a realizzare la storia perfetta al primo tentativo. Molto spesso vengono elaborate diverse bozze e talvolta il prodotto finale è molto diverso dalla versione originale. Nell’era moderna, quando le storie vengono tradotte e aggiornate da testi molto più antichi, per non parlare dell’adattamento in programmi TV e film, molti dettagli possono andare persi. E non solo sottili dettagli, ma intere trame, personaggi e molto altro ancora.

10. Pinocchio uccise il Grillo Parlante e poi lo impiccò

La storia di Pinocchio, una bambola di legno diventata ragazzo, è stata letteralmente filmata decine di volte . La storia originale si intitolava "Le avventure di Pinocchio" e fu scritta nel 1881 da Carlo Collodi come racconto a puntate. Il libro nel suo insieme fu pubblicato nel 1883.

Come molte fiabe rivolte ai bambini di un'epoca passata, il Pinocchio originale era un po' più oscuro rispetto alla versione odierna. Ad esempio, sebbene l'originale presentasse un grillo parlante, in seguito chiamato Jiminy, in realtà non era l'amico del personaggio principale. Quando invece il grillo parlante decide di dare un ordine a Pinocchio, il burattino con rabbia scaglia un martello in testa all'insetto e lo uccide.

Lo stesso Pinocchio alla fine muore in questa storia, almeno brevemente. Dopo che Geppetto viene arrestato per aver abusato di un burattino, Pinocchio incontra una volpe e un gatto, i quali scoprono che possiede dell'oro, così appenderlo a un albero e rubarlo.

Morte di Pinocchio avrebbe dovuto finire la storia , un piccolo racconto morale sui pericoli della menzogna e della disobbedienza, ma il suo editore lo incoraggia a continuare la storia, così la Fata Turchina arriva e lo salva, e le sue avventure continuano finché non si ritrova a diventare un vero ragazzo.

9. Pazuzu de L'Esorcista è stato chiamato a combattere i suoi peggiori demoni.

Il nome di Pazuzu non era molto conosciuto prima dell'uscita del film. "L'esorcista" 1973 . In questa storia, Pazuzu è un demone che possiede il personaggio di Linda Blair, apparentemente per punire il prete padre Karras per la sua incredulità. Ha incontrato le idee del demone molto presto nella sua vita in Iraq, e ne è stato chiaramente interessato.

autore del libro "Esorcista" " non ha tirato fuori il nome di Pazuzu dal nulla. Nella vita reale, Pazuzu viene dalla Mesopotamia, di cui era la personificazione Vento dell'Ovest . È il re demone del vento e ha due paia di ali, una testa mostruosa e una coda di scorpione. Ma la nostra idea moderna di cosa sia un demone non era necessariamente quella che era per le persone tra l'VIII e il VI secolo a.C., quando Pazuzu era nel suo periodo migliore.

Per quanto demoniaco fosse, Pazuzu era anche una maledizione per altri spiriti più maligni come Lamashtu. Evocare Pazuzu potrebbe proteggerti da Lamashtu , che si credeva predasse donne incinte e neonati. A modo suo, Pazuzu era un esorcista che teneva a bada un demone molto peggiore.

8. L'Unico Anello non era l'Unico Anello nell'originale Lo Hobbit.

Prima "Signore degli Anelli" divenne un successo mondiale del valore di centinaia di milioni di dollari, era una modesta serie di libri per bambini scritti da J. R. R. Tolkien. E prima " Signore degli Anelli" era solo "Lo Hobbit" .

Inizialmente "Lo Hobbit" " fu pubblicato nel 1937, e all'epoca era un libro a parte che Tolkien non aveva alcuna intenzione particolare di trasformare in un vasto universo. Per questo motivo, lo Hobbit originale è in realtà diverso da "Lo Hobbit", che sappiamo. Una volta Tolkien iniziò ad espandere la sua storia con " Signore degli Anelli" , ha dovuto rielaborare "Lo Hobbit" per far funzionare la storia. In particolare, l'Unico Anello e Gollum necessitavano di cambiamenti significativi per far funzionare il resto della storia.

Prima della revisione, l'Unico Anello non era affatto l'Unico Anello. Era solo un anello. È stato magico, certo, ma non in modo significativo. Il proprietario era invisibile, ma questo non aveva molta importanza. Quando Bilbo incontrò Gollum, Gollum era felice posiziona il tuo anello magico alla loro piccola competizione, perché per lui non aveva molta importanza. Lo usa ancora nome Prezioso, ma parla di se stesso e non dell'anello. Dopo che Bilbo ha vinto l'anello, i due prendono strade separate e Gollum non sembra preoccuparsi né dell'uno né dell'altro.

7. Sherlock Holmes era originariamente un tossicodipendente da cocaina

Sherlock Holmes di Sir Arthur Conan Doyle è uno dei più grandi personaggi letterari che continua a vivere nei nuovi racconti stampati e sullo schermo. La sua prima apparizione è avvenuta "Studia in rosso" nel 1887, e le sue acute capacità di osservazione e intelligenza lo resero immediatamente un classico, nonché il modello per i numerosi detective immaginari che lo seguirono.

Una delle principali differenze tra lo Sherlock originale e ciò che ne è stato di lui era che Sherlock Holmes era originariamente cocainomane . E non un tossicodipendente qualunque, quest'uomo amava la sua cocaina . Nel secondo romanzo di Sherlock, Il segno dei quattro, pubblicato nel 1890, il libro in realtà inizia con Watson infastidito dal fatto che Sherlock si stia nuovamente iniettando. Holmes dichiara esplicitamente di consumare cocaina, una soluzione al 7%, e la offre addirittura a Watson. Ciò è avvenuto dopo che Watson ha notato di aver osservato Holmes farsi l'iniezione tre volte al giorno per "molti mesi".

Mentre Watson disapprova, Holmes ribatte che, sebbene la cocaina possa essere fisicamente dannosa, gli effetti mentali ne valgono la pena perché la trova "straordinariamente stimolante e schiaritrice per la mente".

Nel 1904 Holmes non era più un tossicodipendente, come spiegato nella storia " L'avventura di un uomo scomparso da tre quarti" . Lì apprendiamo che Watson lo svezzarono droghe. Ciò coincide con il periodo in cui la cocaina, un tempo utilizzata in tutti i tipi di prodotti, inclusa la Coca-Cola, fu vietata a causa dei suoi effetti dannosi.

6. Nella versione teatrale originale "Il mago di Oz" al posto di Totò c'era una mucca.

Molti di noi conoscono la storia del Mago di Oz e, anche se non sei un fan, sai che c'è un leone, uno stagnino, uno spaventapasseri e persino un cagnolino di nome Totò. Ciò è dovuto alla popolarità del film originale di Hollywood. Ma non tutti Il mago di Oz seguito questo piano.

Prima "Il mago di Oz" con Judy Garland è stato girato nel 1939, un romanzo di L. Frank Baum pubblicato nel 1900. E tra questi due eventi, nel 1902, venne messo in scena un musical di Broadway. nessuna di queste sono storie che riconosceresti.

Lo spettacolo teatrale e il successivo film muto presentavano notevoli cambiamenti, come la sostituzione di Totò con una mucca di nome Imogene . Dorothy è andata a Oz con la sua mucca. Dicono che ciò sia avvenuto perché il regista non voleva fare affidamento su un cane addestrato.

Quando Dorothy arriva a Oz, lei incontra un pazzo tra gli altri , tranviere e anarchico. Non esistono i munchkin, ma le streghe esistono ma non fanno molto. La Strega dell'Ovest viene solo menzionata, non viene mai vista.

5. Non c'erano topi nella storia originale del Pifferaio magico.

Il pifferaio magico di Hamelin è una leggenda che risale alla città di Hameln in Germania centinaia di anni fa. Racconta la storia di un suonatore di cornamusa assunto per liberare una città dai topi, cosa che fa. Il comune, loschi personaggi, decidono di non pagare quest'uomo. Quindi usa la sua pipa per attirare anche i loro figli. Ciò corrisponde all'estetica oscura di molte antiche leggende e fiabe, che sembrano leggere e dolci finché non diventano oscure e cupe.

In una svolta molto più oscura, se ripercorri la storia fino alle sue origini, troverai alcune prove che in primo luogo non c'erano topi e che ciò è realmente accaduto. La vera città di Hamelin racconta la storia apparentemente fin dal 1300 quando faceva parte di una vetrata in una chiesa. Secondo resoconti scritti della finestra perduta da tempo, in questa versione apparve un suonatore di cornamusa e 130 bambini scomparvero.

Allora cosa è successo veramente? Le teorie variano dalla storia che è una metafora di una grande tragedia e del Piper che rappresenta la morte, al fatto che sia una sorta di reclutatore che guida la migrazione dalla Germania.

4. Peter Pan può uccidere i ragazzi perduti

Come Pinocchio, Peter Pan è un altro amato personaggio d'infanzia reso popolare da Walt Disney. Nella storia, Peter vive nell'Isola che non c'è e, sebbene gli spettatori moderni possano conoscerlo come un luogo dove nessuno invecchia, non era così nell'originale. Solo Peter è rimasto giovane, i Ragazzi Perduti sono invecchiati fuori posto.

Il testo originale di J. M. Barrie, pubblicato in varie forme all'inizio del 1900 prima di essere finalmente pubblicato come romanzo completo intitolato Peter e Wendy nel 1911, riconosceva che I ragazzi perduti "sono cresciuti. Il capitolo cinque inizia con la descrizione dei ragazzi perduti alla ricerca di Peter e dei pirati alla ricerca dei ragazzi perduti. Poi descrive come il numero di ragazzi cambia a causa del fatto che alcuni vengono uccisi e altri diventano troppo vecchi, il che è contro le regole. Il testo dice: "Quando sembrano grandi, il che è contro le regole, Peter li dirada "

Il significato esatto di ciò non è mai stato stabilito, ma sembra che possa significare solo che Peter li sta mandando via o li sta uccidendo. Uno dalle teorie dei fan suggerì addirittura che l'animosità di Capitan Uncino derivasse dal fatto che era un ragazzo perduto che crebbe, sopravvisse e tornò per vendicarsi.

3. Originariamente nella stanza c'erano dei vampiri

" Room" Tommy Wiseau è tristemente noto come uno dei peggiori film mai realizzati e amato per questo fatto. Si dice che fosse quasi ancora più strano di quello che abbiamo effettivamente ottenuto.

Secondo Greg Sestero, l'altra star del film, una delle prime idee di Wiseau è stata quella di mostrare che il suo personaggio in realtà era un vampiro . Sarebbe stato davvero fantastico con la scena in cui l'auto di Johnny volò via volevo nella notte perché, sai, è un vampiro.

2. Nei miti originali, Medusa era sempre un mostro

Medusa è una delle creature più famose della mitologia greca, una Gorgone con serpenti al posto dei capelli che può trasformare in pietra chiunque la veda. Nella versione più famosa della storia, era una bellissima mortale amante di Poseidone/Nettuno, che in seguito fu maledetta da Minerva/Atena per diventare un mostro che nessuno poteva nemmeno guardare. Ma era versione fiabe Ovidio , scritto molti anni dopo il mito originale.

Essendo una delle sorelle Gorgone, Medusa era originariamente sempre stato un mostro , e non una donna mortale. Solo in seguito si è trasformata in una mortale, e le due sorelle sono dei mostri, belli invece che disgustosi, a rendere tutta la storia più tragica.

1. Non c'è il balcone in Romeo e Giulietta

Se tu Proprio adesso Google Romeo e Giulietta durante la ricerca di immagini, noterai un tema comune in molte immagini. La scena raffigurata è spesso famosa scena sul balcone . Tecnicamente è l'Atto II, Scena II e una delle parti più citate dell'opera. Sembra il discorso di Romeo "ma dolce, che luce irrompe da quella finestra". In decine, se non centinaia di film e produzioni teatrali, ritrae Romeo nel giardino e Giulietta sul balcone sopra di lui. Tutto ciò è abbastanza ironico, dal momento che Shakespeare non ha mai scritto di un balcone.

È interessante notare che la parola "balcone" non era mai apparsa prima sulla stampa 20 anni dopo Shakespeare ha scritto "Romeo e Giulietta" . Allora non esistevano i balconi. Ma erano in uso quando la famosa commedia di Thomas Otway " La storia e la caduta di Gaio Mario" , anni dopo che Shakespeare cadde in disgrazia e le sue opere non furono mai rappresentate.

Caius Marius era, in mancanza di un termine migliore, un plagio. Otway ha rubato intere scene e dialoghi da Shakespeare, e la scena del balcone, ampiamente presa in prestito da Shakespeare, è ambientata su un balcone. E lo spettacolo era molto popolare, fu messo in scena 30 volte in un periodo di 30 anni, mentre Shakespeare non fu mai rappresentato. Così il palcoscenico per la maggior parte delle persone è stato strettamente associato al balcone, perché è così che lo hanno sempre immaginato.